Amico immaginario Hi-tech – quanto posso toccare il fondo?

amico immaginario

Comunicare, mai come adesso ne ho sentito il bisogno, a questo punto voglio fare una riflessione sulla mia situazione alquanto patetica.Tante volte avrei voglia di trasmettere alla gente cosa provo, sono una persona abbastanza sensibile e alcuni avvenimenti della mia vita per quanto ridicoli mi turbano, è stato così che cominciai a scrivere il primo blog solo ed esclusivamente personale, purtroppo vicende legate a ciò che vi era scritto mi hanno visto costretto a chiuderlo e dopo un periodo abbastanza lungo di inattività ho sentito la necessità di riprovarci.

Dove scrivo?

Visto le brutte esperienze ho cominciato a scrireve blog anonimi attualmente ne ho più di uno, uno dei quali scrivo in un altra lingua per essere sicuro che non lo leggano le persone a me vicine ed in più scrivo una sorta di Diario sul mio pc con Journler. Onestamente trovo tutto questo patetico anche perchè quello che voglio veramente dire lo scrivo sul pc e nessuno lo può leggere ed essendo una persona fondamentalmente instabile e pazza mi fa piacere e mi aiuta a volte ricevere commenti di gente che sia più normale di me, che mi riporti alla reltà.

Ma non hai amici?

alcuni mi fanno questa domanda, beh che li abbia o no per me il concetto è questo “Come la prenderebbe caio se scrivessi buttaate su di lui?” essendo tral’altro che molte volte i blog che faccio sono scritti in momenti di confusione scrivo cose che non penso ed a mente fredda le mie opinioni si capovolgono completamente. Non mi trovo a mio agio a parlare con le persone di presenza e visto che per il 99% dei casi l’unica persona con cui vorrei parlare coincide con quella di cui vorrei parlare.. c’è un evidente conflitto d’interessi.

Come risolvi?

Non risolvo, ecco tutto. La mia mente malata mi sta portando in questi giorni ,un pò per gioco un pò per disperazione, a programmarmi una soluzione. Sto sviluppando un diario/blog interattivo, a seconda di cosa scrivo, delle parole chiavi e dei tag, mi commenta con risposte più o meno pertinenti. Avete presente (sarà capitato anche a voi) quando scrivete “Caro diario ma cosa dovrei fare?” beh quante volte avreste voluto che vi rispondesse? io cerco di far avverare questa desiderio. Un amico immaginario hi-tech cosa c’è di meglio?